DALL’UVA AL VINO

Metodo-Classico-3

Vinificazione uve a bacca rossa:Una volta raggiunto il giusto grado di maturazione, le uve vengono subito trasportate alla cantina per evitare fermentazioni indesiderate. Qui, se necessario, i grappoli sono selezionati su nastri trasportatori e dopo la separazione dai raspi, gli acini sono posti in tini di piccole dimensioni.Per i vini fermi (Cabernet-Sauvignon e Merlot), la fermentazione alcolica sulle bucce avviene per circa 8-9 giorni, durante i quali si eseguono rimontaggi e follature. Finita la fermentazione, una successiva macerazione sulle bucce di alcuni giorni dà al prodotto maggiore struttura ed aromi. Terminata la macerazione il vino separato dalle bucce viene collocato in barriques di rovere francese per 10-12 mesi. Nei primi 2-3 mesi avviene la fermentazione malolattica: la trasformazione da acido malico ad acido lattico; nei mesi successivi il vino si affina attraverso lo scambio di ossigeno permesso dalla porosità del legno, acquisendo un tannino più morbido e una maggiore complessità di aromi.

Per il lambrusco, vino frizzante, dopo una prima fermentazione sulle bucce, si ottiene una seconda fermentazione, per la presa di spuma, in tini di acciaio a tenuta di pressione (autoclavi). La seconda fermentazione avviene solamente tramite l’aggiunta di mosto, senza l’utilizzo di altri zuccheri aggiunti.

Metodo-Classico-Grande
Vinificazione Metodo Classico:Le uve sono raccolte con vendemmia leggermente anticipata, per mantenere nel frutto la componente di acidità utile per una buona freschezza del vino base da spumantizzare. Dopo una pressatura soffice dei grappoli avviene una prima fermentazione alcolica in tini di acciaio alla temperatura costante di 15° C. La seconda fermentazione, per la presa di spuma, avviene direttamente nelle bottiglie, all’interno delle quali il vino si conserva sui lieviti per più di 36 mesi, prima di procedere alla sboccatura finale (degorgement).La permanenza prolungata sui lieviti, da un lato favorisce la finezza del ”perlage”, dall’altro conferisce al vino una maggiore complessità rilasciando una nota delicata di “crosta di pane”.
Metodo-Classico-1
Vinificazione uve a bacca bianca:Le uve vengono raccolte a mano, poste in cassette e subito trasportate alla cantina.Una volta qui, i grappoli vengono selezionati sui nastri trasportatori prima di passare alla fase successiva.

Per i bianchi-fermi le uve vengono sottoposte ad una pressatura soffice, al fine di estrarre solo il mosto fiore, che viene successivamente posto a fermentare in tini di acciaio ad una temperatura costante di 15° C, per mantenere al massimo gli aromi primari.

Per la tipologia spumante – metodo charmat, il mosto selezionato dalla prima pressatura viene posto in serbatoi a tenuta di pressione (autoclavi), dove rimane per circa sei mesi sui lieviti al fine di ottenere una buona struttura ed una complessità di aromi primari e secondari.

Metodo-Classico-1